Esigenze cromatiche


E mi chiederete… ma che c’entra questo esserino (Oedemera nobilis, ma tanto, lo sapevate già) mangia-polline con una mattina di grigiastro novembrino? Nulla, ma proprio nulla. C’entra però con la mia voglia matta di colore. Desidero ardentemente cromatismi assurdi, estravaganti, appariscenti, di cattivo gusto. Più sgargianti siano, meglio è. Ecco, l’ho detto e confessato. Qualcuno vuole un altro caffè?