Un “semplice” sasso