L’importante è quello che c’è dentro