Quando il confine fa la differenza