Mi presento…

sarahMi chiamo Sarah Gregg. Nata nell’ormai distante 1957 da padre botanico e madre appassionata di Natura, il mio destino è stato segnato da quando ho mosso i miei primi passi incerti seguendo le orme di ricci e di volpi nella campagna inglese. Da allora, è stato tutto un cammino che mi ha portata prima in Francia dove ho lavorato come giornalista e guida escursionistica, poi più di vent’anni fa in Italia dove abito tutt’ora in un piccolo paese nel cuore del Parco Nazionale della Majella in Abruzzo. La flora e la fauna, la fotografia, le parole, le mappe e il camminare sono  le grandi passioni della mia vita e il mio lavoro. Come “portavoce della Natura”, porto avanti con passione e impegno la missione di far amare e apprezzare non solo ciò che è appariscente o raro, ma anche le bellezze naturali di tutti giorni, spesso erroneamente trascurate come “banali”, ma capaci anche loro di stupire e di far innamorare, se guardate con altri occhi.  Prendo come filosofia di vita e di lavoro le parole di Stephen Gould “…non possiamo vincere questa battaglia per salvare specie e ambienti senza creare un legame emozionale tra noi e la natura, poiché non lotteremo per salvare ciò che non amiamo ma che apprezziamo solo in qualche senso astratto. Dobbiamo fare spazio alla natura nel nostro cuore”. Insofferente ai muri confinanti e incapace di rimanere ferma a lungo, la mia unica paura è che un giorno, zaino in spalla, mi metterò a camminare e non riuscirò più a fermarmi, finché ci saranno stradine, mulattiere e sentieri che si stendono fino all’orizzonte, con sempre la curiosità di vedere cosa la vita avrà in serbo oltre la prossima curva.