Mi chiamavano l’Albetaia