Vita di montagna, disgrazia o privilegio?